Se lalcolismo può esser trasmesso al bambino

Mamma, se mi faccio una canna muoio?

Quanto tempo ha bisogno di smettere di bere

C arlo Magno ha inventato la scuola. E il punto di Rappresentazione di domanda: sapevate che il simbolo dellinterrogativa un torneo della Civetta non altro che la stilizzazione grafica di qo, sigla Un uomo tiene distanti i contendenti della parola latina quaestio?

I copisti dovevano con le sue gambe, metterla alla fine di ogni frase interrogativa; la q con il tempo mentre i due si danno venne posta sopra la o, e questultima si ridusse a un puntino. La se lalcolismo può esser trasmesso al bambino stato uno degli escamotage adottati dagli studiosi per trovare una scrittura chiara e comune a tutti gli europei.

A fini meno nobili, ma pur sempre utili, va fatta risalire linvenzione del primo wc water-closetmentre dal solo Rinascimento italiano scaturirono le idee pi brillanti in fatto di moda lo stile personale nasce nelle corti pi raffinate dellepocagiochi calcio, biliardoprogettazioni urbanistiche la citt ideale! Piccole grandi rivoluzioni che cambiarono per sempre, se non i fatti della grande Storia, i piccoli riti della vita quotidiana. Quelli che riguardano davvero tutti da vicino. Studiare come vivevano i nostri antenati anche un modo per trovare le risposte a domande che magari non ci si era mai posti.

Ma non per questo sono meno interessanti. Buona lettura! Emanuela Cruciano, caporedattore. Tra botteghe, mercati e Dalle bisacce alla 24ore, dalle valigie pubbliche esecuzioni. Solo per pochi Rinascimento lombardo, guidati se lalcolismo può esser trasmesso al bambino un poeta di corte.

La vita a Cusco, capitale del Per nel Cinquecento. Quando gli indios furono pag. Per scoprirlo, passato e modernit. Dallinizio del XIX secolo, segnato dai trionfi di Napoleone e dalla sua caduta a Waterloo, passando per i moti del 48, le vicen- de belliche dellOttocento sembrerebbero relegate ai campi di battaglia della vecchia Europa.

E invece, ecco che la guerra si sposta in Oriente, verso la Crimea, approda sul suolo americano, e poi arriva a toccare terre lontane, come lAfrica e lAfghanistan. E gli echi si sentono ancora oggi. La nuova consapevolezza delluo- mo posto dallUmanesimo al centro delluniverso e protagonista giustappun- to di una sorta di rinascita produs- se infatti pi di un cambiamento. Qua- li erano i valori di riferimento dellepo- ca? Le differenze tra poveri e ricchi era- no ancora evidenti?

E quelle tra citt e campagna? Come erano i rapporti tra i sessi? E ancora, come si passava il tem- po libero? Qual era limportanza rivesti- ta dal divertimento? E quella del cibo? A rispondere a queste e ad altre domande un esperto di storia culturale, Alessan- dro Arcangeli, docente di Storia moder- na allUniversit di Verona. Per iniziare: la fioritura artistica, cul- turale ed economica tra il XV e il XVI secolo cambi la vita quotidiana italia- na ed europea?

S, anche se fu coinvolto un numero ristretto di persone. Daltronde la stessa arte era appannaggio di pochi: i dipinti che oggi ammiriamo nei musei pubblici erano allepoca appesi sulle pareti di pa- lazzi privati o al limite nelle chiese. Biso- gn attendere il per veder nascere i primi musei moderni. Anche grazie ai mercanti e alle nuove rotte commerciali, molti dei modelli cul- turali e degli stili di vita elaborati in Ita- lia, patria del Rinascimento, si propaga- rono nel resto del continente.

Nelle campagne e tra i nobili domi- nava il modello di famiglia ampia, al- largata, mentre i cittadini conoscevano gi la se lalcolismo può esser trasmesso al bambino famiglia nucleare, an- tesignana della nostra e composta solo da genitori e figli. Quanto alle relazioni tra uomo e donna allinterno dei nuclei familiari, rimasero a lungo squilibrate a svantaggio della componente femminile.

Per molti aspetti, si registr addirittura un arretramento nella condizione socia- le della donna rispetto alle epoche pre- cedenti. Con alcune eccezioni: nei ceti medio-alti le donne avevano per esem- pio se lalcolismo può esser trasmesso al bambino pi facile accesso alla cultura.

Re- gine e principesse vantarono prestigio e una parziale emancipazione. Rimanendo in tema di donne, queste avevano accesso al mondo del lavoro?

E con quali prospettive? Le donne lavoravano eccome, soprat- tutto quelle dei ceti popolari. Il punto, casomai, era che avevano accesso sola- mente ai lavori pi umili e mal remu- nerati.

Qualche opportunit in pi, an- che dal punto di vista imprenditoriale, si apriva per le vedove, a cui era conces- so di portare avanti le attivit dei mari- ti scomparsi. Passando ad altro, in che modo le citt cambiarono volto divenendo moderne? SCALA 2 Fu cos superato lo schema dei centri medioevali, ricchi di viuzze strette e tor- tuose e spesso privi di piazzali.

Ci con- vero che si cominci a giocare e a questepoca. Certamente nel corso del tribu a ridefinire il modo stesso di per- divertirsi? Rinascimento in primis tra le lite si cepire e vivere lo spazio cittadino, per- S, mentre nel Medioevo il divertimen- registr una crescita qualitativa del tem- seguendo quel concetto di citt ideale to era spesso associato allidea di pecca- po a disposizione.

I ceti alti lanciarono rappresentato tra laltro da un celebre di- to, nel Rinascimento assunse un ruolo tra laltro la moda della villeggiatura.

I passatempi pi diffu- I veneziani se lalcolismo può esser trasmesso al bambino i primi a ritirarsi in lo. I nuovi schemi urbani rinascimenta- si?

Le carte e i dadi, che spesso sfociava- splendide ville fatte costruire proprio per li, ereditati in parte dal mondo romano, no nel gioco dazzardo suscitando le pre- riposarsi e distrarsi. Con feste, contrassegnarono poi quasi tutte le citt occupazioni se lalcolismo può esser trasmesso al bambino autorit e predicatori re- giostre, spettacoli e tornei, sapendo che moderne, incluse molte grandi metropo- ligiosi.

Ci si svagava anche con la musi- lorganizzazione di questi divertimenti li dei nostri giorni. S, bastava anche solo guardare la qua- con passione da intraprendenti regnan- A proposito di mondanit, quali no- lit delle abitazioni.

Inoltre, seppure non ti e da abili professionisti che ci si guada- vit riguardarono labbigliamento e la fossero previste segregazioni spaziali in gnavano da vivere. Un po come avviene oggi nel- te leggi suntuarie, per frenare gli eccessi no per chi se lo poteva permettere. Nel le periferie delle grandi citt. Nelle cam- del lusso e della moda. Rinascimento, il cambiamento iniziava pagne, dove viveva e lavorava la stragran- Si pu dire che si stesse definendo il dalle corti.

Come nella Mantova di ini- de maggioranza della popolazione, le tra- concetto di tempo libero? Nella pagina accanto, ci si svaga con musica e scacchi in un manoscritto del XV secolo e a se lalcolismo può esser trasmesso al bambino sfarzo e alta moda nel ritratto di Eleonora di Toledo con il figlio realizzato da Agnolo Bronzino nel I pi poveri lavarsi di frequente non era infatti cosa n diffusa n raccomandata, nonostan- per erano emarginati in PERIFERIA te i progressi scientifici e medici dovuti agli studi di illustri personaggi come Le- allarmare le autorit civiche fu la sodo- te abitudini figlie di quel tempo.

Ma c onardo da Vinci e il fiammingo Andrea mia: Firenze e Venezia istituirono appo- un aspetto della realt rinascimentale se lalcolismo può esser trasmesso al bambino Vesalio, che nel pubblic il De hu- site magistrature per reprimerla. Unos- presenta tratti di assoluta modernit. Si mani corporis fabrica, prima opera scien- sessione scatenata da una crescente li- tratta dellacquisita consapevolezza, so- tifica sullanatomia umana.

Lo stesso Baldassarre Ca- dei men, dovuto allinfluenza culinaria Comera il perfetto uomo e la per- stiglione utilizz il termine sprezzatura araba e ai nuovi prodotti giunti dallA- fetta donna dellepoca? La donna doveva si con successo nelle relazioni interper- ripiene preclusi invece ai ceti inferio- essere espressione di grazia e bellezza ma sonali e a presentarsi bene nelle occasio- ri, la cui dieta era a base di pane e cerea- avere anche tutte le peculiarit maschi- ni pubbliche.

Oggi siamo ormai abituati li. Una situazione che durer fino al XX li, eccezion fatta per le capacit militari. In ambito sessuale quali furono invece no della cultura occidentale, anche se la Matteo Liberti le tendenze del tempo? E che percezione battaglia, come detto, sarebbe stata an- si aveva dellomosessualit? Il vizio capitale La percezione del tempo libero o la ri- rinascimentali.

C ome si spiega che il bagno, dopo il gran lavarsi del mondo antico, sia stato re- legato a una penitenza monastica nel Medioevo, a poco pi di una bizzar- ria nel Seicento Luigi XIV teneva dei cuscini nel- la vasca! In realt, la storia della ci- vilt in bagno non segue la se lalcolismo può esser trasmesso al bambino di un progresso graduale dalla sporcizia alligiene, come si potreb- be pensare.

Ha, piuttosto, un percorso pieno se lalcolismo può esser trasmesso al bambino contraddizioni, stranezze e pregiudizi. Luomo primitivo viveva per necessi- t quanto pi vicino allacqua e a un certo punto scopr che il fiume, oltre a dissetare, poteva spaz- zare via gli escrementi e rinfrescare il corpo. And anche oltre: a Skara Brae, il pi importante villag- gio neolitico ritrovato in Europa, nelle isole a nord della Scozia, allinterno delle capanne in pietra so- no stati scoperti scarichi rudimentali che partono da nicchie nelle pareti e confluiscono in un torren- te che oggi non c pi.

Gli Assiri che, come i Babilonesi, vivevano an- che loro vicino a grandi fiumi, si lavavano solo nel- le grandi occasioni. Ma facevano uso di cosmetici e profumi. Fino agli inizi del que quella della regina di Creta che risale a 3. Dopo questa fuga in avanti, la se lalcolismo può esser trasmesso al bambino, pe- nello sporco Medioevo. La causa? Forse lo scar- r, scompare per secoli e secoli. Fino ai Greci clas- so ricambio dacqua dei bagni insieme al concime sici, che erano amanti della pulizia.

Per gli Elleni le terme rappre- colari salse se lalcolismo può esser trasmesso al bambino con interiora di animali. Il Medioevo, dicevamo, ci si lavava velocemente, con acqua fredda. Il ba- rifuggiva dallacqua e dalla se lalcolismo può esser trasmesso al bambino.

I bagni pubbli- gno caldo, considerato effeminato e vizioso, si dif- ci, eredit romana nonch luoghi promiscui e oc- fuse solo durante la decadenza, sotto la dominazio- casione di licenziosit, furono messi al bando per- A OGNUNO IL ne romana.

Era lepoca delle latrine comuni che si ch seminaria venenata, focolai del vizio. Priva- SUO LAVAGGIO vedono a Pompei e altrove: un gelido sedile di cal- tamente ci si lavava in tinozze di legno rotonde od Sotto, su un vaso care su un orifizio a forma di toppa, al di sotto del ovali in cui sedevano due o pi persone, spesso lin- greco del V secolo a.

Quanto al gabinet- lavano: per rimuovere to su due supporti di mattoni. Era per lo un raschietto, detto strigile. A destra, nel te terme colossali, gli antichi Romani persero la pi scavato nello spessore della parete con il poz- Palazzo di Cnosso, loro battaglia contro i parassiti.

Sono arrivate a noi intatte an- che le latrine di Palazzo Davanzati, casa gentilizia fiorentina del Trecento: ce ne sono a ogni piano, collocate in piccolissime stanzette affrescate, sot- to una finestra.

Nelle case modeste, si andava meno per il sot- tile: era sovrano il vaso da notte, di vetro, metallo o terracotta verniciata, e il contenuto finiva rego- Stravaganze da bagno. S larmente in strada.