Quali targhe curare lalcolismo

ALCOLISTI ANONIMI: Testimonianza del sig. Filippo.

Formazioni contro alcolismo

Che effetto avranno gli ebook sullindustria editoriale? Sul modo di leggere? Sul nostro rapporto con i testi scritti? Lasserzione contenuta nel titolo di questo volume pu sembrare singolarmente prudente, e modesta, a fronte di tanta letteratura, sui temi dellebook e delle trasformazioni del mondo editoriale, nella quale ricorrono con una regolarit impressionante termini come rivoluzione e futuro, fine, inizio, destino. Alla pacatezza dellasserzione iniziale, che ci parla di cambiamenti incrementali e non apocalittici, localizzati e non generali, e non sempre quali targhe curare lalcolismo, corrisponde, pagina dopo pagina, quella dellargomentare.

Loggetto principale di questo libro non un confronto tra il futuro dellebook e quello del libro su carta; e neppure unanalisi comparata delle caratteristiche di un medium tra i pi radicati e insieme tra i pi fondativi della nostra cultura, il Libro, e uno dei new media che si suppongono emergenti, sia pure dopo una lunga fase di stop and go, di false partenze e di lunghe attese.

Il libro di Andrea Fava un libro di storia del presente. Perch una delle grandi sfide che lebook ci pone, al pari di quel che accade con You Tube e con iTunes, con i mutamenti incessanti del mondo dei videogame e con quel fenomeno oggetto da alcuni anni di teorizzazioni altisonanti quanto provvisorie ed effimere che sono i social network, quella di prendere le quali targhe curare lalcolismo del cambiamento in corso. Pu sembrare che la vastit delle trasformazioni venga sminuita da una storia cos attenta al dettaglio, che rischia di ridurre a cronaca minuta delle novit di portata radicale.

Ma vero il contrario. E vero che qualcosa continua a cambiare, che il mutare del libro richiede lattenzione alle piccole e magari non pienamente consapevoli trasformazioni della tecnologia e dei mercati, delle regole professionali e delle ideologie che condizionano la produzione culturale.

Segue a ciclo completo la progettazione e realizzazione di prodotti editoriali tradizionali e digitali cd-rom, dvd-rom, dvd-video, online, ebook, mobile per le aree Cultura, Lessicografia e Scienze Mediche. In copertina quali targhe curare lalcolismo di Marcello Rubini. Il volume composto in caratteri Baskerville Questo libro digitale diffonde contenuti senza tagliare alberi. Diffondi luso dei libri digitali per salvare gli alberi e proteggere la natura.

FAVA, Andrea. Introduzione di Peppino Ortoleva Prefazione 1. La rivoluzione digitale e leditoria multimediale offline 1. Ebook 2. Il ruolo delleditore 5. Qualcosa cambiato. Loggetto di questo libro non quali targhe curare lalcolismo mezzo che sostituisce un altro, e neppure quali targhe curare lalcolismo possibili compromessi tra i due, piuttosto un processo storico complesso, che non riducibile a contrapposizioni lineari: perch lo specifico fenomeno oggi al centro dellattenzione, il libro elettronico che tanti si affannano a trattare come un oggetto conchiuso e compiuto non n luno n laltro.

Non conchiuso, perch acquista un senso solo nel quadro pi. Non compiuto, al contrario: perch gli esiti di questo processo sono tuttaltro che quali targhe curare lalcolismo ed assai probabile che lebook ne rappresenti una tappa non definitiva, che altri device e altri modi di leggere, diversi modelli di business e diverse linee editoriali, si prospettino ancora allorizzonte. Uno dei pi autentici rivoluzionari delle tecnologie e dellorganizzazione, uno degli uomini che pi hanno contribuito allavvento di quella che con termine onnicomprensivo e generico viene chiamata modernit, Thomas Alva Edison, amava dire che lelettrificazione un processo interminabile.

Pu sembrare unaffermazione sorprendente. Lelettrificazione non ha, semplicemente, diviso la storia dellumanit in un prima e in un dopo? Non ha esercitato fin dalle sue origini un impatto netto e radicale del quale siamo tutti figli?

Invece, dopo due secoli e oltre di storia la prima centrale elettrica risale al dobbiamo riconoscere che la sua profezia era straordinariamente acuta: non solo lelettricit continua a modificarsi nelle forme e nei modi della produzione, e tutta la questione delle fonti energetiche non in fondo che un corollario della sua frase; ma lelettrificazione continua a penetrare in aspetti della vita umana sempre nuovi, comprese quali targhe curare lalcolismo pi intime zone del nostro corpo.

La lettura dellelettrificazione in termini di rivoluzione e di avvento non del tutto immotivata: sia perch rende giustizia al vissuto soggettivo di chi percep il suo quali targhe curare lalcolismo con meraviglia e a volte con frastornato disorientamento, sia perch quali targhe curare lalcolismo tratt comunque di un punto di svolta, di un momento periodizzante della storia.

Ma da un pi ampio punto di vista storico una lettura deformante, in quanto riduce un processo complesso e di lungo periodo a un singolo passaggio; e in quanto lo traduce, semplificandolo in modo eccessivo, in termini di vittoria e sconfitta, di sostituzione o di compromesso.

Quali targhe curare lalcolismo accade appunto per il dibattito in corso sul libro elettronico e il libro cartaceo. Tenendo conto della lezione di Edison, e non solo, dobbiamo operare nel pensare il fenomeno detto dellebook, due correzioni di rotta.

La prima quali targhe curare lalcolismo. Linterminabile informatizzazione: il processo che applica a un numero crescente di pratiche e di oggetti i paradigmi fondativi della computer science e proprio per quali targhe curare lalcolismo via estende progressivamente le logiche del software, dellinformazione, della rete, e lo fa con i tempi di quali targhe curare lalcolismo progressione geometrica.

La logica del software: la prima e forse pi radicale innovazione introdotta dallinformatica sta nella separazione delle macchine dai programmi che le guidano, nellintroduzione di un tipo di macchina versatile capace di comportarsi come una grande variet di altre macchine, di simularne il funzionamento del resto la novit del cosiddetto web 2.

Il software come forma culturale, secondo la definizione di Manovic, levoluzione e lesplicitazione, di questo presupposto, che per allopera fin dalle prime formulazioni di Wiener e Von Neumann. Che il computer e tutte le macchine di cui oggi si parla, dal Kindle ai tablet, agli smartphone sono computer, la distinzione che quali targhe curare lalcolismo separa dai nostri portatili un fatto di marketing non certo una distinzione di quali targhe curare lalcolismo cominci a comportarsi come un libro solo dopo averci abituato a trattarlo come una macchina da scrivere o un telefono, un riproduttore di musica o una moviola, pu apparire bizzarro visto che il libro tra tutti questi strumenti di comunicazione il pi antico e pu quali targhe curare lalcolismo il pi semplice; ma non poi cos bizzarro, se non altro perch linformatizzazione del libro implica il trattare il libro stesso come una macchina, e questo ha richiesto un passaggio di mentalit che ancora oggi molti non sono disponibili a compiere.

La logica dellinformazione: linformatizzazione presuppone che tutti i contenuti comunicabili, non solo, tutte le procedure applicabili, e anche, in misura via via crescente, tutti i comportamenti umani e animali, siano traducibili in un linguaggio-base che appunto quello. Perch linformatizzazione comporta tra le sue implicazioni pi ovvie e insieme pi cariche di conseguenze il fatto che tutte le forme di conoscenza diventano mediabili da una macchina e contemporaneamente che tutte richiedono una macchina per essere fruite.

Leggere a macchina: un altro tema, come si diceva, che sottost a molte delle polemiche sullinterfaccia libro in opposizione allinterfaccia libro elettronico. Nel primo, a partire dalla rivoluzione di Gutenberg, la macchina interviene s, ma solo nella fase della produzione, quali targhe curare lalcolismo il rapporto tra il libro e il lettore appare immediato, anzi soprattutto a partire dal Settecento addirittura intimo, trascurando limmenso apparato di mediazione che comunque sta in mezzo tra il libro e il lettore, e che si chiama alfabetizzazione.

Nel secondo non siamo letteralmente in grado di far nulla se non abbiamo una macchina che per cos dire pre-legge per noi, traduce un accumulo di informazioni in unentit leggibile.

Ma una macchina che pu, anzi verrebbe da dire che deve, fare anche altro: visto che il libro prima di darsi a leggere stato trasformato in una serie di bit, la lettura come siamo stati abituati a concepirla solo una delle possibilit accanto al retrieval, che tratta lo stesso accumulo di informazioni come un data base, accanto al gioco di connessioni non-sequenziali che dai primi anni Novanta viene chiamato ipertesto, accanto alla possibilit che la macchina-libro diventi sotto i nostri occhi unaltra delle tante macchine possibili, lettore di immagini quali targhe curare lalcolismo o in movimento, strumento di collegamento con altre persone note o sconosciute, o sveglia che ci ricorda cose da fare nel caso la lettura ci avesse, come succede dai tempi antichi, eccessivamente presi.

Perch ho parlato, ci si potr chiedere, di logica dellinformazione e non della digitalizzazione, che in effetti quali targhe curare lalcolismo processo in gran parte convergente?

Perch laffermarsi dellinformazione come misura di base e insieme come linguaggio unificante del sistema della comunicazione un processo pluri-decennale, del quale laffermarsi delle tecnologie definibili in senso stretto come digitali costitui.

La logica della rete: assolutamente vero che lo sviluppo dellinformatica a partire dalle prime sperimentazioni di Konrad Zuse e poi dal progetto Manhattan, e quello della telematica dalla telegrafia elettrica, poi dalla telefonia e dalla radio, hanno seguito a lungo percorsi distinti, giungendo realmente a integrarsi solo con lo sviluppo di Internet; ma una connessione evidente tra i due gi stata stabilita dal classico articolo di Claude Shannon che sul finire degli anni Quaranta ha fondato la teoria matematica dellinformazione e che quali targhe curare lalcolismo pubblicato non a caso nella rivista della maggiore compagnia telefonica del mondoed implicita nellidea stessa di informazione come entit computabile e trasferibile.

Da una macchina allaltra. Proprio allopposto del libro, ma anche del quadro o delledificio, che si presentano come entit compiute e distinte, le macchine informatiche hanno linterazione non solo con luomo ma anche con altre macchine inscritte tra le loro potenzialit, di pi, tra le caratteristiche che le definiscono.

Lisolamento, la separatezza, che per il libro sono un carattere essenziale, nel mondo informatico unopzione, non uno stato naturale delle cose. A questo si aggiunge un fenomeno oggi noto sotto il nome di Gordon Moore che per primo ne riconobbe, nellesistenza e ne valut con singolare precisione le dimensioni: il moltiplicarsi addirittura in progressione geometrica, anno dopo anno, della quantit di informazione gestibile da ogni singola macchina e quindi, con lo sviluppo della rete, la crescita esponenziale in termini ancora pi vasti dellinformazione prodotta, messa in circolo, gestita.

Basta ricordare che 20 megabyte, la capacit di calcolo di PC di discreta potenza alla met degli anni Ottanta, pu essere oggi la dimensione di quali targhe curare lalcolismo file e che un terabyte, che allepoca era una parte non infinitesimale dellinformazione che circolava in un giorno sulle reti del mondo, oggi pu essere contenuto in un hard disk da. Versatilit quali targhe curare lalcolismo maggiore, connessione reticolare su scala mondiale, crescita ininterrotta a ritmi esponenziali, e capacit di tradurre tutto in un unico linguaggio: questi sono i caratteri dellinformatizzazione, caratteri che si estendono progressivamente ad aspetti dellesistenza che in precedenza non ne erano stati toccati.

Se ora prendiamo in considerazione le caratteristiche che la nostra cultura ha attribuito per secoli allidea di testo, unidea che non applicabile solo al libro e non lo a tutti i libri, ma della quale la forma-libro impregnata profondamente, ci rendiamo conto che tra il processo di informatizzazione e la testualit si manifesta una contrapposizione di base.

Infine, mentre al centro dellinformatizzazione c la macchina che media ogni informazione, al centro dellidea di testo c limmediatezza dellatto di lettura. Il testo non una macchina e idealmente neppure dovrebbe richiederne luso, anche se il Ventesimo secolo ci ha abi. Il testo se quali targhe curare lalcolismo uso di macchine non ne suppone lintelligenza, che al contrario un elemento essenziale dellinformatizzazione.

Se teniamo conto di questa opposizione tra lidea di testo e il processo di informatizzazione possiamo forse capire meglio, ma ci torneremo tra poco, perch la questione del libro elettronico assuma quali targhe curare lalcolismo spesso connotazioni fortemente simboliche, risvolti filosofici.

On these issues people tend to become quali targhe curare lalcolismo disse una volta Bill Gates a proposito della questione del numero di pulsanti uno, due, tre?

Una frase che quali targhe curare lalcolismo voglia di ripetere nel leggere molta letteratura sullebook e il futuro del libro. Anche per evitare le controversie teologiche, bene introdurre, oltre alla logica dellinformatizzazione, unaltra chiave interpretativa dei processi in corso, solo apparentemente banale.

Quella che abbiamo davanti non una battaglia tra il Libro con la L maiuscola, oggetto consacrato da almeno cinquecento anni di storia cinquecentosessanta se andiamo allinizio dellavventura di Gutenberge la nuova entit, misteriosa ma anchessa carica sia di valori simbolici sia di implicazioni gi quali targhe curare lalcolismo, che chiamiamo ebook.

Non lo sia perch come gi ricordato quello che si sta svolgendo appunto un processo storico, e capirne la dinamica pu essere meno affascinante e meno vendibile che prevederne le conclusioni, ma pi fecondo e anche meno fallace.

Sia perch a essere coinvolti non sono solo, n tanto, due oggetti insieme fisici e simbolici, luno astratto come lidea di testo e insieme manipolabile come le pagine di carta ma basta per favore coi ditirambi sullodore dei libri, che danno alle tante nostalgie di un passato che si teme moribondo un tono fintamente sensuale e in realt necrofilolaltro aperto a ogni tipo di contenuto e insieme gadget oggetto di una propriet golosa e gelosa.

Sono piuttosto due punti dincontro storicamente condizionati. Sia il libro sia lebook toccano insieme un modello di business e un sistema di abitudini, un patrimonio ereditato di conoscenze e un insieme di pratiche, sul versante produttivo come su quello del leggere.

Pu darsi, quali targhe curare lalcolismo vediamone quali targhe curare lalcolismo le implicazioni. Prima di tutto, gran parte della letteratura esistente non si quali targhe curare lalcolismo per nulla o quasi sul modificarsi storico delle abitudini e delle pratiche.

Preferisce fissare il libro come modello stabile, dai tempi del codex pergamenaceo o dai tempi di Gutenberg, senza tener conto per esempio del passaggio decisivo rappresentato dalla nascita delle universit nellXI-XII secolo e dalle trasformazioni della lettura in quel tempo, evidenziate da Ivan Illich in Nella vigna del testo, e neppure delle trasformazioni ininterrotte della lettura negli ultimi secoli.

Preferisce eludere il dibattito sul rapporto libro-lettore aperto da Michel de Certeau, che sia pure con notevoli semplificazioni mette nettamente in discussione lidea di testo come paradigma che il lettore interiorizzerebbe a partire da regole che sarebbero dettate dalloggetto stesso che ha in mano. Si finisce cos con il contrapporre artificiosamente un modello che si sarebbe trasmesso senza modifiche per una ventina di generazioni a un altro che per un verso sarebbe altrettanto coerente ma che avrebbe tra le sue caratteristiche pi inquietanti linstabilit propria dellinformatizzazione.

Inoltre, sia il libro di carta sia lebook esistono non tanto in quanto oggetti, ma in quanto punti dincontro di una pluralit di filiere. Gi leditoria libraria unattivit multipla: si racconta che una volta un editore quali targhe curare lalcolismo in un salotto una signora che, saputo della sua professione, gli disse Chi sa quanti libri ha scritto, leditore rispose Non sono mica un autore; allora la quali targhe curare lalcolismo un po delusa riprese Quindi li stampa?

No quello il mestiere dei librai; Ho capito, li fa arrivare alle librerie; Ma no, quello lo fanno i distributori. Rimasta quasi senza parole, la signora chiese Ma li legge? Qualche volta. Leditore ha come funzione essenziale quella di trasformare unentit in s astratta come un testo in una realt concreta e vendibile, una merce.

Lo fa integrando tra loro molte diverse professionalit, o artigianalit ri. La nascita del libro elettronico comporta non una diretta sostituzione, n tanto meno una semplificazione, come spesso si tende a sostenere in base alla retorica della cosiddetta disintermediazione che sarebbe operata dalla rete, ma al contrario un ulteriore complicarsi delle filiere, un moltiplicarsi dei punti di incrocio, che comportano negoziati complessi e compromessi non sempre prevedibili: basta pensare ai vari modelli di business che nella breve storia quali targhe curare lalcolismo hanno continuato e continuano tuttora a scontrarsi, coinvolgendo attori a volte imprevedibili fino a poco tempo prima, sulla musica in rete, o sul giornale.

Ma c poi da stupirsi? Dopo tutto la televisione privata in Italia ha visto la partecipazione di grandi editori, poi sconfitti ed espulsi dal mercato, e laffermarsi come emittente per eccellenza quali targhe curare lalcolismo unazienda che veniva dal campo immobiliare Capire questi percorsi, mappare lintreccio delle filiere che condizioner il prossimo futuro, richiede prima di tutto pazienza, la disponibilit di non correre alle conclusioni, e poi attenzione alle questioni apparentemente di dettaglio, e alla variet delle linee, professionali e imprenditoriali, ma anche culturali, coinvolte.

Grazie alla sua attenzione a tutti questi processi il libro di Andrea Fava un libro di storia del presente. Perch quali targhe curare lalcolismo delle grandi sfide quali targhe curare lalcolismo lebook ci pone, al pari di quel che accade con YouTube e con iTunes, con i mutamenti incessanti del mondo dei videogame e con quel fenomeno quali targhe curare lalcolismo da alcuni anni di teorizzazioni altisonanti quanto provvisorie ed effimere che sono i social network, quella di prendere le misure del cambiamento in corso.

Ci si pu chiedere allora perch la stragrande maggioranza delle analisi che circolano finisce quasi invariabilmente con il ricadere nella contrapposizione di due modelli organici, di due paradigmi: con linterrogarsi sul come luno sostituir laltro o con il concludere che potranno convivere, per qualche anno o decennio, o magari per sempre.

I motivi quali targhe curare lalcolismo vari, e alcuni sono gi emersi: prima di tutto lidentificazione del Libro con lidea di testo che resta un principio fondante della quali targhe curare lalcolismo cultura, per cui le domande che sottostanno alla riflessione sullebook sono in realt domande non solo e non tanto sulle trasformazioni del leggere i libri e del produrre, quanto sul destino della civilt in una situazione in cui il testo, instabile e fungibile, frammentario quali targhe curare lalcolismo automatizzato, sembra scosso da una specie di terremoto.

In secondo luogo, il fatto che per tre secoli ha funzionato, in questo campo, un sistema di corrispondenze, e un modello di business cos solido da apparire naturale: quello per cui ogni libro insieme ricollegabile a un soggetto che lo crea lautore e a uno che lo trasforma in merce leditorea una serie di oggetti fisici in parte quali targhe curare lalcolismo tra loro, a unentit pi astratta ma altrettanto essenziale fatta di titolo e scheda catalografica, a un pubblico che ha appreso dapprima da un sistema quasi universale di alfabetizzazione poi da un affinamento dellistruzione la capacit di leggere in generale e di leggere quel libro in particolare.

Questo sistema di corrispondenze non n una coincidenza, quella che gran parte degli studiosi riscontrano nel caso del libro tra loggetto e il testo, n una necessit inevitabile: una costruzione storica complessa che ha richiesto secoli, convenzioni culturali articolate e perfezionamenti tecnici, quali targhe curare lalcolismo e pratiche professionali specializzate dallediting alla biblioteconomia; una sintonizzazione che vede allopera istituzioni e convenzioni, regole e luoghi comuni.

Come accade quali targhe curare lalcolismo nei grandi cambiamenti quali targhe curare lalcolismo oggi questo sistema di corrispondenze si disarticolato, per motivi non certo riconducibili, per altro, solo allin. Pochi invece studiano adeguatamente la crisi del sistema di corrispondenze nel suo insieme, e i dettagli delle formazioni, in larga parte provvisorie ma pur sempre destinate a pesare, che ne nascono. C poi, alla base di tante controversie sul futuro quali targhe curare lalcolismo libro nellepoca dellebook e sul futuro dellebook dopo il libro o accanto a esso, una tendenza tipica del nostro tempo.

Quella per cui, proprio mentre le radici materiali dei media tradizionali tendono a perdere di specificit, linterpretazione del mondo in termini di media si sta imponendo nel senso comune: magari prendendo le distanze dal determinismo di McLuhan e dalle sue profezie dichiarate erronee ma finendo con il cadere in interpretazioni media-centriche della storia spesso ben pi grezze delle sue.

Lalternativa studiare in concreto, sul campo, le pratiche quali targhe curare lalcolismo gli usi. Come, senza certo esaurire il tema ma dandoci molti spunti di riflessione, fa Andrea Fava.

La cultura ha guadagnato soprattutto da quei libri con quali targhe curare lalcolismo gli editori hanno perso. Stammi a sentire Montag: a tutti noi una volta nella carriera, viene la curiosit di sapere cosa c in questi libri; ci viene come una specie di smania, vero? Beh dai retta a me Montag, non c niente l, i libri non hanno niente da dire! Il capitano dei vigili del fuoco al milite modello Montag 1. Fahrenheit un film del diretto da Franois Truffaut, tratto dallomonimo romanzo fantascientificodistopico di Ray Bradbury.